giovedì 23 novembre 2017

I GATTI DI ARMA DI TAGGIA RIMANGONO IN VIA BORGHI

ARMA DI TAGGIA (23 Novembre 2017) - La colonia felina di via Borghi non trasloca, questo il risultato della riunione che si è svolta oggi ad Arma di Taggia dopo che il sindaco aveva emesso un ordinanza di sgombero e trasferimento della colonia medesima dopo il ritrovamento di una o due pulci feline. Nonostante precedentemente ENPA (stando a quello che stava scritto nell'ordinanza) avesse dato parere favorevole allo spostamento della medesima colonia, oggi i responsabili delle associazioni animaliste presenti si sono schierati al fianco delle gattare e prendendo spunto da quanto sostenuto nella relazione ASL successiva all'ispezione dei mesi scorsi secondo la quale occorre fare maggiore manutenzione dell'area dove stanziano i gatti (Area che si trova a pochi metri da un asilo) hanno dichiarato la loro indisponibilità a sostenere la decisione del sindaco. Pertanto dopo una discussione con toni anche accessi si è arrivati a un compromesso secondo il quale la colonia rimane nell'area di via Borghi e allo stesso tempo si provvederà ad una maggiore manutenzione dell'area e degli stessi gatti. "Un buon compromesso ci dice Lorenzo Croce- presidente di AIDAA- eravamo rimasti un po basiti leggendo nell'ordinanza sindacale che Enpa avrebbe appoggiato, anzi aiutato con le proprie guardie zoofile a spostare la colonia, alla fine ha prevalso il buon senso e questa ordinanza proprio perchè contenente queste indicazioni superate dalla riunione di oggi il cui contenuto è messo a verbale è decaduta de facto e sarebbe buona cosa che il sindaco la ritirasse per evitare pasticci inutili sulla legittimità della medesima che rimane comunque ancora impugnabile". AIDAA dichiara la sua soddisfazione per quanto deciso oggi.

SMOG: IN ITALIA MUORE UN CANE O UN GATTO OGNI VENTI MINUTI

 Secondo l'Agenzia Europea dell'Ambiente (Eea) ogni anno in Europa muoiono 467.000 persone a causa dello smog che soffoca le grandi città. Dato assolutamente impressionante anche se non inatteso. Purtroppo però oltre agli uomini a lasciarli la pelle sono anche gli incolpevoli animali, in particolare cani e gatti che vivono a contatto con lo smog cittadino nelle città italiane. Sono infatti circa 23.700 gli animali che ogni anno muoiono in Italia per patologie collegabili alla presenza di smog e di questi circa la metà vivono nei grossi agglomerati urbanizzati e vale a dire Milano, Torino, Roma, Bari,  ma anche Taranto e le loro periferie. Questo vuol dire che in Italia muore per patologie collegabili allo smog un cane o un gatto ogni 20 minuti. Una situazione inaccettabile alla quale occorre porre rimedio a partire dalle  visite e cure veterinarie adatte a cui dobbiamo sottoporre i nostri amici pelosi periodicamente. 
cani a spasso nello smog di milano

IL GATTO ROMEO E' SCAPPATO DI CASA

IMPERIA - Romeo, il gatto tigrato che l'Asl 1 imperiese ha allontanato dall'ospedale Borea di Sanremo dove viveva da più di dieci anni, è scappato dall'abitazione dell'infermiera che lo aveva accolto per evitare che venisse trasferito in una colonia felina o in un gattile. Il micio, con ogni probabilità, cercherà di tornare in quella che considera la sua vera casa: l'ospedale.
Per il gatto, benvoluto da pazienti e personale sanitario che lo avevano adottato e accettavano di buon grado il suo girovagare tra la portineria e la sala d'attesa del pronto soccorso, si è mobilitato anche il presidente dell'Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente (Aidaa) che ha denunciato alla procura della Repubblica presso il tribunale penale di Imperia il direttore sanitario dell'ospedale di Sanremo, Giovanni Bruno, per violazione della legge 281/91 e per maltrattamento di animali.

fonte. ansa.it
AGGIORNAMENTO ALLE ORE 14.18
Il gatto Romeo al momento ha fatto perdere le proprie tracce, infatti al momento non ci sono segnalazioni ed avvistamenti che riguardano il gatto in fuga, molto probabilmente si sarà nascosto in attesa di capire come muoversi e come orientarsi per tornare all'ospedale, che è la sua prima casa. daremo ulteriori aggiornamenti nelle prossime ore.

TRENTINO, VAL D'AOSTA E TOSCANA CHIEDONO ABBATTIMENTO LUPI

ROMA (23 NOVEMBRE 2017)  - Potrebbero gia comunicarlo in via informale oggi durante la conferenza stato regioni in programma tra qualche ora la loro richiesta al governo di una proroga per chiedere l'abbattimento del 5% dei lupi presenti nelle loro regioni. Stiamo parlando di Valle D'aosta,Toscana e Trentino che piu volte avevano espresso la loro volontà di sparare ai lupi considerati a loro dire come i responsabili di decine di aggressioni alle greggi (mentre i primi a non essere in regola sono gli allevatori). La procedura che esula dal piano lupo è stata indicata come possibile da un voto nei giorni scorsi al Senato di un ordine del giorno che prevedeva appunto la possibilità di sparare ai lupi in deroga al piano nazionale. Spetterà poi al ministro Galletti dare o meno l'autorizzazione, ma per i governanti delle tre regioni i tempi sono maturi e i fucili sono purtroppo gia fuori dai foderi.



LORO CERCANO CASA...AIUTATECI A FARLE ADOTTARE

SONO MAMMA E FIGLIA, STUPENDE CERCANO CASA. FACCIAMO GIRARE.PER CONTATTI 

ANTONELLA 3335246079

ANTONIO3312290778






CHIUSA MACELLERIA ISLAMICA AL GIAMBELLINO

La macelleria islamica di Via Giambellino 132  dove erano stati sequestrati nelle scorse settimane 200 kg di carne è stata chiusa dopo un ispezione di polizia e ASL  che hanno rilevato presenze di ruggine sul tavolo di lavorazione delle carni, infiltrazioni varie nella struttura, distaccamento di intonaco e sopratutto presenza di blatte che si aggiravano felici tra la carne in vendita.

mercoledì 22 novembre 2017

CANI AVVELENATI: J-AX HA RAGIONE DA VENDERE

LEGGE CONTRO AVVELENAMENTI AIDAA A J-AX: LAVORIAMO INSIEME

Roma (22 NOVEMBRE 2017) - Sta girando da alcuni giorni in rete un video del famoso rapper J-AX in cui chiede un impegno concreto per una nuova legge contro gli avvelenatori dei cani e gatti. Un video dove il rapper (il quale ha perso il proprio gatto di 15 anni proprio pochi giorni orsono) denuncia la piaga dell'avvelenamento di cani e gatti sia attraverso l'uso delle polpette, che di sostanze chimiche quali i topicidi. Nel video J-AX richiama proprio i dati diffusi da AIDAA nel gennaio di quest'anno  che parlano di 23.500 cani avvelenati nel corso del 2016 con forte rischio di aumento nel corso del 2017. Il presidente nazionale di AIDAA Lorenzo Croce preso visione del video risponde al rapper invitandolo a collaborare insieme per migliorare la legge esistente, ma sopratutto per farla applicare: "J-AX ha ragione da vendere- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- occorre punire seriamente i responsabili degli avvelenamenti di cani e gatti che muoiono tra atroci dolori dopo aver ingerito polpette avvelenate o peggio ancora riempite di pezzi di vetro che tagliano l'intestino dei pelosi provocandone una morte atroce. AIDAA- conclude Croce- da anni si batte per pene severe contro gli avvelenatori, per questo chiediamo a J-AX di unire le nostre forze e lavorare insieme".
IL COMUNICATO RIPRESO DALL'ANSA SUI DATI AIDAA DI INIZIO ANNO